Codex alimentarius, novità sull’igiene e sicurezza alimentare

Importanti novità e aggiornamenti arrivano direttamente dalla commissione del Codex Alimentarius che ai primi di luglio si è riunita nella capitale per formulare alcune decisioni in materia, soprattutto, di coltivazione, produzione e conservazione di alcuni alimenti al fine di tutelare in modo ancora più accurato la salute dei consumatori: frutti di mare, melone, frutta secca e melamina presente, ad esempio, nel latte in polvere.

Per quanto concerne la coltivazione dei frutti di mare, alimenti che se non controllati in modo davvero efficace, possono dar luogo allo sviluppo di virus anche pericolosi, i maggiori controlli saranno effettuali proprio nel luogo di coltivazione, quindi nelle acque nelle quale i frutti di mare nascono e crescono assorbendone gli elementi.
Nel caso del frutto estivo, il melone, la sua polpa può diventare ambiente fertile per eventuali batteri, per evitare ciò è stato deciso di interventi nel procedimento della conservazione che dovrà essere uguale o inferiore a 4° C.
La commissione ha disposto invece, per quanto riguarda la frutta secca, il limite massimo di aflatossine che potrà contenere un kg di fichi secchi sarà di 10 mg.
Infine la melamina, presente, appunto, nel latte in polvere, non potrà superare il limite di 0.15 mg per kg negli alimenti per neonati.

Informazioni dettagliate al link della pagina ufficiale del Codex Alimentarius: www.codexalimentarius.org

Contatti





Nome:
(*)

Telefono:
(*)

e-mail:

Messaggio:

Leggi termini e condizioni d’uso